#13 Libri in Wishlist!!

wishlist

Sanny90,

Buongiorno e buona domenica lettori! Perdonatemi! Ma ieri non sono riuscita a postare l’aggiornamento della Wishlist, per rimediare lo pubblico oggi! Tra i titoli che ho aggiunto c’è un libro particolare, un classico della letteratura giapponese, essendo un’appassionata non potevo non inserirlo, spero che  non vi sembri noioso!

“La storia di Genji di Murasaki Shikibu, Einaudi”

417yL5Ow2+L._SX317_BO1,204,203,200_

Trama:
“Il ‘Genji monogatari’ viene spesso indicato come il primo esempio di romanzo psicologico. Se simili attribuzioni suonano sempre alquanto arbitrarie, leggendolo non si può evitare di avvertire quanto si proceda in profondità nello scandagliare l’animo umano e come il quadro che ne deriva sembri spesso in sintonia con il modo di sentire di oggi. Da questo punto di vista, esso merita a buon diritto il titolo di classico della letteratura universale, sebbene solo di recente, in pratica poco più di cento anni, sia entrato nell’orizzonte culturale occidentale e abbia preso a influenzarlo. La sua modernità risiede nella precisa volontà dell’autrice di non limitarsi a presentare intrecci tali da attirare l’attenzione e distrarre dalle pene quotidiane, ma anche di trasmettere sensazioni e sentimenti nella convinzione che altri possano e debbano condividerli. (…) Da questo punto di vista il collegamento con i grandi romanzi occidentali appare inevitabile, ma ogni forma di confronto, classificazione e competizione si rivela alla fine incongrua. Si può dire che Murasaki Shikibu ricorda nelle sue introspezioni Proust o che il ‘Genji monogatari’ sta al mondo cortese dell’anno Mille come ‘Madame Bovary’ sta al mondo borghese dell’Ottocento. Ma il ‘Genji monogatari’ non può non essere letto, analizzato, se possibile apprezzato, come un’opera profondamente, organicamente medievale. (…).” (dall’introduzione di Maria Teresa Orsi).

Questo è un classico dell’XI che non può mancare in libreria, ed essendo uscita la versione economica non posso non averlo tra le mie grinfie!

“Noi siamo grandi come la vita di Ava Dellaira, Sperling & Kupfer”

41UYWPN-mhL._SX324_BO1,204,203,200_

Trama:

Tutto inizia con un compito assegnato nei primi giorni di scuola: “Scrivi una lettera a una persona che non c’è più”. E così Laurel scrive a Kurt Cobain, che May, la sua sorella maggiore, amava tantissimo. E che se n’è andato troppo presto, proprio come May. Per Laurel, la sorella era un mito: bella, perfetta, inarrivabile. Era il sole intorno a cui ruotava tutto, specie da quando i genitori si erano separati. Perderla è stato indescrivibile, qualcosa di cui Laurel non vuole parlare. Sulla carta, invece, Laurel si lascia finalmente andare. E dopo quella prima lettera, che non consegnerà all’insegnante, continua a scriverne altre, indirizzandole a Amy Winehouse, Heath Ledger, Janis Joplin e altri idoli della sorella scomparsa. Soltanto a loro riesce a confidare cosa vuol dire avere quindici anni e sentire di avere perso una parte di sé, senza nemmeno potersi aggrappare alla famiglia perché è andata in mille pezzi. Soltanto a loro può confessare la paura e la voglia di avventurarsi in quel mondo nuovo che è la scuola, la magia di incontrare amiche che ti fanno sentire normale e speciale al tempo stesso. Finché, come un viaggio dentro di sé, quelle lettere porteranno Laurel al cuore di una verità che non ha mai avuto il coraggio di affrontare. Qualcosa che riguarda lei e May. Qualcosa che va detto a voce alta: solo così Laurel potrà superare quello che è stato, imparare ad amarsi e trovare il coraggio di andare avanti.

Uno dei pochi casi in cui vengo attratta dalla copertina di un libro! E dalla trama sembra molto commovente, quello di cui ho disperatamente bisogno!

Ebbene, conoscete questi romanzi? Me li consigliate? Commentate qui!

A presto!

Precedente #107 Contatto illecito di Pamela Clare Successivo Acquisti di Agosto!