Gli innocenti di Paola Calvetti!

Sanny90,

Buona domenica Readers!

Oggi vi parlo del nuovo libro di Paolo Calvetti ” Gli innocenti“.

Jacopo e Dasha, due voci smarrite sullo spartito della vita, sono

in scena per il Doppio concerto per violino e violoncello di

Johannes Brahms che, pagina dopo pagina, è l’occasione per

rivivere – con un serrato e immaginifico dialogo – i passi della

loro storia d’amore. Dopo una lunga assenza Jacopo torna a

Firenze, all’Istituto degli Innocenti, il luogo eletto che lo ha

accolto quando venne abbandonato da una madre rimasta

nell’ombra, la cui identità è diventata negli anni la sua

claustrofobica ossessione. «Come posso scoprire chi sono se non

so da dove vengo?» si chiede. Adottato da una famiglia troppo

fragile e gravato di aspettative insostenibili, Jacopo è stato

privato della spensieratezza dell’infanzia. A salvarlo è stato un

piccolo violino, l’àncora alla quale assicurare i desideri e i sogni.

Perché se la felicità è un talento, Jacopo riesce ad avvicinarla solo stringendo fra le braccia lo strumento. Ma non sempre l’amore salva. Non se nell’amore pulsano, insistenti, vecchie ferite. Dasha, nata in un piccolo paese in Albania, è cresciuta circondata da un amore che Jacopo non conosce. Grazie a un padre devoto e illuminato, ha potuto frequentare il Conservatorio di Tirana, dove ha incontrato il violoncello, destinato a diventare il suo unico amico. Fuggita dal porto di Durazzo, sola con il suo strumento, dopo la rovinosa caduta del regime, è sbarcata a Brindisi il 7 marzo del 1991, insieme a migliaia di profughi. Anche le sue radici sono state recise, ma la musica ha compiuto il miracolo di preservare dal dolore il suo animo delicato e forte. Eppure Nemmeno Dasha, che ora suona di nuovo accanto a lui, ha potuto distogliere Jacopo dalla ricerca di un passato che ha il potere di avvelenare il presente, rendendo orfani i due amanti di un futuro possibile. Dove ad aspettarli, forse, c’è un bambino. Nel corso dell’esecuzione del Doppio di Brahms accadrà qualcosa di totalmente imprevisto. La musica si fa eco dell’amore e di una sconvolgente rivelazione, cui non può seguire altro se non un silenzio colmo di incanto, lo stesso che resta nel cuore del lettore.

Paola Calvetti:

 giornalista, ha lavorato alla redazione milanese del quotidiano «la Repubblica» e scritto per il «Corriere della

Sera» e il settimanale «Io Donna». Ha diretto l’Ufficio Stampa del Teatro alla Scala e, in seguito, è stata Direttore della Comunicazione del Touring Club Italiano e Direttore Comunicazione e Marketing dell’Opera di Firenze-Maggio

Musicale Fiorentino. Finalista al premio Bancarella con il romanzo d’esordio, L’amore segreto, nel 2000 ha pubblicato L’Addio, nel 2004 Né con te né senza di te, nel 2006 Perché tu mi hai sorriso, nel 2009 Noi due come un romanzo (Mondadori), seguito nel 2012 da Olivia, ovvero la lista dei sogni possibili, e nel 2013 da Parlo d’amor con me, pubblicati da Mondadori. I suoi romanzi sono tradotti in Francia, Germania, Spagna, Albania, Giappone, Olanda, Stati Uniti.

I commenti sono chiusi.