Crea sito

Recensione: I cavalieri del nord di Matteo Strukul

Sanny90,

download

Sinossi:

Salvato, ancora bambino, in una notte di luna e lupi, Wolf è diventato un giovane cavaliere Teutone. Cresciuto sotto la guida di Kaspar von Feuchtwangen, suo mentore e maestro, il ragazzo intraprende insieme ad altri settanta cavalieri crociati, un lungo viaggio dalla Russia alla Transilvania per raggiungere e difendere il castello di Dietrichstein, ultimo avamposto della fede cristiana in una terra ormai in preda a orde di barbari e diaboliche forze oscure.

Lungo la via, fra terre addormentate in un inverno infinito, Wolf incontra Kira, che tutti credono una strega, ma che in realtà nasconde una storia di ribellione e violenza nei bellissimi occhi color temporale. La sua è una presenza che getta scompiglio nella schiera Teutone, poco avvezza alla presenza femminile, e che reagisce con sospetto e rabbia, ritenendo la donna responsabile delle molte sventure che costellano il lungo viaggio. Ma niente è come sembra nell’Europa del 1240.

Fra magia e religione, passioni e tradimenti, Wolf conoscerà se stesso attraverso il sacrificio e il coraggio fino ad affrontare una terribile guerriera che si fa chiamare La Madre dei Morti, un diabolico negromante e un re senza corona, mentre l’amore per Kira martella il cuore aprendo ferite: perché Wolf è un cavaliere dell’Ordine e la Regola proibisce di amare una donna, soprattutto quando è una creatura irresistibile. A meno che…

La mia recensione:

Dal momento in cui il romanzo “I cavalieri del Nord” di Matteo Strukul, ha fatto la sua comparsa tra le novità in uscita è divenuto la mia ossessione! Quando Multiplayer.it Edizioni, che ringrazio vivamente, mi ha chiesto cosa ne pensassi, non potevo essere più felice!

All’apparenza, potrebbe sembrare il classico storico ambientato durante il Medioevo, dove i crociati combattono per preservare la fede e convertire gli infedeli. Fin qui tutto nella norma. Quello che mi ha attratta fondamentalmente, a parte la copertina che trovo stupenda, è l’alone di mistero e quel tocco di fantasy, seppur accennato, e soprattutto i personaggi di Wolf e Kira! Wolf è un ragazzo orfano che da ragazzino viene salvato dai lupi, dal Teutone Kaspar, che successivamente diverrà il suo maestro. Kira è una ragazza che sta per essere giustiziata come strega, verrà salvata da Wolf dalla follia di un frate! Strani avvenimenti accadono… all’ombra di una guerra senza speranza… Da qui ha inizio un susseguirsi di colpi di scena e situazioni che faranno in modo di tenere il lettore incollato alle pagine!

“Quel cavaliere l’aveva salvata.

Era un fatto.

Così com’era un fatto che i problemi non sarebbero finiti lì. 

Ma sentire qualcuno che si batteva per lei, dopo tanto tempo, dopo tanta sofferenza e guerra, aveva sciolto per un istante la neve che si era posata nel suo cuore.”

 Dalle prime battute, questo romanzo sembra orientato prettamente a un pubblico maschile, ma è solo apparenza. Da alcuni anni a questa parte, infatti, ho notato come nella letteratura le donne abbiano, piano piano,  conquistato uno spazio sempre maggiore e sempre più attivo nelle vicende. Non siamo più le fanciulle che vogliono essere salvate, siamo le guerriere che combattono per un’ideale, per amore, per la libertà! Kira è una di queste donne. Pur essendo stata salvata, rivendica il suo onore di donna e non esita a porsi in prima linea innanzi al pericolo!

Altro fattore che mi ha fatto apprezzare “I cavalieri del Nord”, è stata lo stile corposo e aulico utilizzato dall’autore. Le descrizioni dei paesaggi e degli istanti di guerra, mozzano il fiato! In definitiva, come avete potuto notare, questo è un romanzo che ho amato in ogni sua singola parte, in particolare anche per la sua edizione curata nella quale sono presenti  dei disegni magnifici! Lo consiglio assolutamente!

Voto:

10

 

 

You may also like...